La Corea del Sud precipita nella tensione.

By on 10 marzo 2017

La Corea del Sud precipita nella tensione. Con un voto all’unanimità, la Corte costituzionale ha destituito la presidente, Park Geun-hye (nella foto), coinvolta nel più grave scandalo di corruzione nel Paese da decenni. Subito dopo nella capitale Seul sono scoppiati tumulti e disordini, degenerati nella violenza. Sono morte due persone, entrambi sostenitori della Park, e diverse altre sono rimaste ferite. E’ una decisione storica: non era mai accaduto che un presidente sudcoreano democraticamente eletto fosse deposto.

Park ha perso l’immunità legata al suo ufficio e potrà adesso essere interrogata, forse anche arrestata. Sul fronte politico, si apre la corsa alla presidenza: le elezioni si devono tenere in un arco massimo di due mesi, probabilmente il 9 maggio, e potrebbero vedere tornare al potere un liberale dopo oltre un decennio di dominio incontrastato dei conservatori e alterare le relazioni di Seul con Washington e Pechino.

About Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *