Ue disponibile sulla flessibilità ma l’Italia sia seria

By on 11 ottobre 2016

Non è ancora in vista l’accordo tra Roma e Bruxelles sui numeri del bilancio 2017. La trattativa, almeno nelle dichiarazioni, prosegue anche a margine della riunione dell’Eurogruppo di Lussemburgo che non ha discusso della situazione dei conti pubblici dei singoli Paesi ma ha deciso di farlo il 5 dicembre, dopo le pagelle della Commissione. Sull’Italia Bruxelles resta ferma sulle sue posizioni, già espresse nei giorni scorsi a Washington a margine della riunione del Fmi: da una parte apre alle richieste di flessibilità, dall’altra chiede maggiori sforzi in cambio. Ora chiarisce anche che non è disposta a fare eccezioni eccessive alle regole: “Flessibilità sì, giocare con le regole no”, dice il commissario agli affari economici Pierre Moscovici parlando dell’Italia. La Commissione “si è sempre mostrata disponibile a prendere in considerazione la flessibilità”, ma “allo stesso tempo serve che l’Italia continui ad essere seria nello sforzo di riduzione del deficit”, ha sottolineato il commissario francese.

About Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *