BERGAMO, UN GIARDINO A CIELO APERTO

By on 7 settembre 2016

“I maestri del paesaggio” Meeting internazionale fino al 25 settembre Bergamo –

Istituto Europa Asia IEAEUROPASIAEurope Asia Institute
Informa
Meeting internazionale “I maestri del paesaggio” fino al 25 settembre 

BERGAMO, UN GIARDINO A CIELO APERTO 

A Bergamo è stata presentata – con gli interventi del Sindaco  Giorgio Gori, dell’ Assessore all’Ambiente Regione Lombardia Claudia Terzi, degli autori dell’ allestimento 2016 Stefan Tischer, Lucia Nusiner, Maurizio Quargnale e del Presidente di Arketipos  Maurizio Vegini – l’edizione 2016 de “I Maestri del Paesaggio”, la kermesse che fino al 25 settembre trasforma la città in un giardino a cielo aperto, con 19 giorni di allestimenti, seminari, incontri, laboratori, mostre, show, per riscoprire il lato più WILD di uomo e natura.

Per Bergamo, città del Paesaggio, giungono in Italia i migliori progettisti del paesaggio e le espressioni più interessanti del landscaping internazionale.

Un obiettivo ambizioso che si concretizza nei numerosi eventi e appuntamenti che, a diversi livelli – più dotti o più pop -, fanno del paesaggio il tema principe per cittadini e visitatori, esperti e curiosi.

Una rassegna di altissimo profilo che si esprime quest’anno attraverso il focus “Wild Landscape”. Proporre il tema del Wild Landscape significa in primo luogo rendere manifesto un paradosso e provocare attorno a questo una riflessione: che cosa vuol dire “progettare wild”?
Probabilmente dare spazio al bisogno latente e oggi sempre più esplicito dell’uomo contemporaneo di relazionarsi con la natura e di “importarla” in modo evidente nel quotidiano. Significa allora prima di tutto  prendere in considerazione la complessità e la biodiversità di un territorio e poi rappresentarla in modo eloquente ed esteticamente valido.

Esplicita dimostrazione del focus è l’esercizio suggerito dall’installazione realizzata in Piazza Vecchia a Bergamo Alta da Stefan Tischer con la collaborazione della paesaggista Lucia Nusiner: estrarre dalla natura orobica una striscia che ne rappresenta la biodiversità e, ricollocandola su una passerella ondulata– realizzata in legno, 68 metri di lunghezza e 4 metri di altezza-, creare di fatto anche un’ installazione scultorea e un’esperienza didattica per chi la fruisce.

Il percorso  si inserisce nello spazio monumentale della piazza – ricco di presenze storiche, architettoniche e artistiche – dove luoghi di convivio dialogano idealmente con il paesaggio naturale ricreato sulla passerella in maniera necessariamente semplificata.   Lungo la passerella prendono vita i cinque paesaggi della terra orobica (urbano, alluvionale, submontano, montano e alpino), rappresentazione dell’essenza della biodiversità del territorio bergamasco.

Per conoscere ogni dettaglio dell’eccezionale programma si può consultare il  sito imaestri.del.paesaggio.it  supportato dalla app ufficiale “I Maestri del Paesaggio” – disponibile gratuitamente sia per Android su Play Store sia per iOS su Apple Store-. La si può scaricare facendo una ricerca per titolo “i maestri del paesaggio”. Oltre il programma della rassegna, l’elenco dei partner della manifestazione, la sezione food&shop, le news, la gallery delle precedenti edizioni, l’app contiene l’audio-guida che accompagnerà i visitatori alla scoperta dell’allestimento in Piazza Vecchia.

Foto: Il presidente di IEA Achille Colombo Clerici con Giovanni Bana pres. FEIN Il Nibbio

Foto: Il presidente di IEA Achille Colombo Clerici con Giovanni Bana pres. FEIN Il Nibbio

About Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *