Roma, responsabile un geometra per il crollo del palazzo al Flaminio.

By on 7 giugno 2016

Un progetto complesso stilato dal titolare di una ditta edile, che non aveva nessuna abilitazione in architettura o in ingegneria. Per ottenere i permessi necessari, infatti, il bozzetto in questione è stato vistato e siglato da un geometra. Un professionista che, secondo gli inquirenti, avrebbe dato per buono con troppa superficialità quel prospetto lacunoso e, si è appreso dopo, pericoloso.
La decisione di realizzare un open space nell’appartamento al quinto piano del palazzo sul lungotevere Flaminio numero 70, ricavato abbattendo una sfilza di tramezzi che funzionavano praticamente come muri portanti, si è rivelata pessima. Le conseguenze sono arrivate lo scorso 22 gennaio, quando gli ultimi tre piani dell’edificio sono crollati e una ventina di famiglie sono rimaste senza un tetto sulla testa.

About Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *