Botta e Risposta del Dott.Brozzi

By on 23 agosto 2013

poesieIQ. 23/08/2013 – Buongiorno gente mia che pensate, quando ancora non mi ritenevo uno scrittore, immaginavo quest’ultimo come una persona comune, come d’altra parte lo immaginate anche voi. in realtà uno scrittore lo si deve pensare con una particolarità: egli è una persona che si rivolge al lettore come unico interlocutore e quindi al singolare.

Ma voi lettori siete tantissimi, pertanto il messaggio non è univoco, ma pluralizzato da ognuno di voi, lo scrittore costruisce con le proprie mani il muro in cui si racchiude con la speranza di trovare un suo simile dentro quel muro, qualcuno da abbracciare e se non lo trova dentro, egli da’ una sbirciatina fuori dall’unica uscita del muro, verso il resto del mondo.

E’ con le parole che uno scrittore vince le paure, le difficoltà, le delusioni, le incomprensioni e le sconfitte interiori ed è tra “le pieghe delle parole” come dice la mia amica di sempre, che ritrova se stesso, ma SOLO nel momento in cui sa che un altro essere lo sta leggendo, allora sente forte quell’abbraccio, fino a non sentirsi più solo. vi lascio alla lettura del mio sonetto quotidiano augurandovi buona lettura e sperando di trovare moltissimi abbracci.

SCRITTORE O SCRIVANO?

‘NO SCRITTORE E’ SEMPRE UN MEZZO MATTO

CHE IN SOLITUDINE SE CONSUMA LE ORE

SCRIVENNO SOLO A ‘N’AMICO CHE E’ ER CORE

CO’ ‘NA SPERANZA: D’ESSE CORTO SUR FATTO!

MANEGGIA LE PAROLE COME UN SEMINATORE

AMANNO DA PADRE ER SEME ADATTO

SENZA MANCO PENZA’ DE RICCOJE ER MATTO

PERCHE’ E’ N’OMO SENZA PAURA, TUTTO CORE

OGNI PAROLA O FRASE DIVENTA ‘N’EMOZZIONE

E CE PASSEGGIA INSIEME COME TRA LA BELLA GENTE

VINCENNO COSI LA SOLITUDINE CO’ LA SODDISFAZZIONE

E PE’ OGNUNO DE COLORO A CUI E’ PIACIUTO

QUER MAZZO DE PAROLE CHE FA’ SBOCCIA’ LA MENTE

PO’ CANCELLA’ ALL’ANTRO UN NOME AMARO: SCONOSCIUTO!

Affettuosamente Mario Brozzi

 Brozzi

 

 

 

About Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *