Tavolo Interistituzionale per rimuovere le criticità dell’area jonica

By on 2 agosto 2013

mar_piccoloIQ. 02/08/2013 – In data 30 luglio 2013, alla presenza del Segretario generale della Presidenza del Consiglio dei Ministri, Roberto Garofoli, si è svolta presso la Sala Verde di Palazzo Chigi, la sesta riunione del Tavolo Interistituzionale per la pianificazione degli interventi mirati a rimuovere le criticità dell’area jonica.

Al Tavolo, coordinato dal Capo del Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi, Cons. Carlo Deodato, hanno preso parte i rappresentanti delle Autorità locali e delle Amministrazioni centrali competenti per materia, nonché il Prefetto di Taranto, Claudio Sammartino, il Commissario straordinario per gli interventi urgenti di bonifica, ambientalizzazione e riqualificazione, Alfio Pini, il Commissario straordinario per il porto, Sergio Prete, ed il Garante per il monitoraggio dell’esecuzione delle prescrizioni contenute nell’autorizzazione integrata ambientale per l’ILVA, Vitaliano Esposito.

In apertura della riunione il Cons. Deodato ha sinteticamente illustrato i ragguardevoli risultati conseguiti negli ultimi due mesi grazie all’azione sinergica delle Amministrazioni coinvolte.

In particolare:

– l’imminente avvio dei lavori volti al disinquinamento, alla riqualificazione funzionale ed energetica di cinque istituti scolastici situati all’interno del quartiere Tamburi, una delle aree a maggior rischio della città di Taranto;

– la definizione di un accordo tra il Commissario straordinario per gli interventi urgenti di bonifica e l’ARPA Puglia per l’avvio della bonifica delle acque del Mar Piccolo, interessate dalla presenza di scarichi abusivi e fonti inquinanti;

– lo stanziamento di 18 milioni di euro da parte del Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca per la creazione di un polo tecnologico e scientifico nella città di Taranto (accordo tra MIUR, MISE e regione Puglia);

– la prossima approvazione, da parte del Consiglio superiore dei lavori pubblici, del progetto di dragaggio del porto di Taranto, per la cui valorizzazione ed adeguamento strutturale sono previsti investimenti per oltre 100 milioni di euro.

About Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *