E’ partita da Napoli la prima banca dati dei processi per racket e usura

By on 13 luglio 2013

zoomIQ.13/07/2013 – L’Ufficio del commissario straordinario antiracket e antiusura in partenariato con la FAI (Federazione delle associazioni antiracket e antiusura italiane) e con il finanziamento del PON Sicurezza hanno presentato giovedì 11 luglio, alle ore 17 in prefettura a Napoli, ‘Zoom’ la prima banca dati dei processi per racket e usura.

Soggetti istituzionali, associazioni, studiosi, ma anche studenti e operatori economici avranno l’opportunità di consultare con un semplice click del mouse – attraverso il sito FAI www.antiracket.info – le schede di approfondimento di processi che riportano le dinamiche estorsive e usuraie, l’analisi del gruppo criminale e del contesto ambientale, fino a questioni di diritto o anche la costituzione delle parti civili. Le prime cento schede saranno consultabili da subito cliccando sulle cartine delle quattro regioni e sui i luoghi a cui fanno riferimento i processi schedati con il riferimento cronologico. L’obiettivo è arrivare entro settembre 2015, alla pubblicazione di ben 1000 schede processuali.

«Si tratta di un vero e proprio patrimonio di storie e di esperienze di vita di tanta gente perbene – sottolinea il commissario prefetto Belgiorno – che ha vinto la paura e, ‘a testa alta’, ha fatto la scelta giusta: ha denunciato!».

Insieme al commissario straordinario antiracket e antiusura prefetto Elisabetta Belgiorno e al presidente onorario della FAI Tano Grasso, sono intervenuti il prefetto di Napoli Franco Musolino, il procuratore della Repubblica di Napoli Giovanni Colangelo, il segretario generale di MD e componente dell’esecutivo nazionale dell’ANM Anna Canepa. Ha concluso la presentazione il sottosegretario alla Giustizia Giuseppe Berretta.

About Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *