La corte Europea boccia l’Italia sulla disabilità e il lavoro

By on 10 luglio 2013

lavoro_disabile Da redazione

IQ. 10/07/2013 – L’Italia è stata bocciata dalla Corte di Giustizia Europea sul rapporto tra disabilità e lavoro. Secondo la Corte di Giustizia Europea l’Italia non ha messo in campo tutti gli strumenti per garantire l’accesso lavorativo, la crescita professionale e formazione delle persone disabili. In sostanza la Corte di Giustizia europea ritiene che il nostro Paese non abbia fatto tutto il possibile per garantire l’inserimento occupazionale dei disabili, in tutti i suoi aspetti, venendo meno agli obblighi comunitari.

Nella sentenza emessa la Corte impone quindi all’Italia di porre rimedio al più presto. I giudici europei hanno così accolto i rilievi mossi al nostro Paese dalla UE nella procedura d’infrazione conclusasi con il deferimento alla Corte di giustizia del nostro Paese. Parlando di “obblighi non rispettati”, la Corte specifica che l’Italia non ha recepito in maniera completa e adeguata a quanto previsto dalla direttiva varata alla fine del 2000 sulla parità di trattamento in materia di occupazione e condizioni di lavoro. Comportamento che si inquadra quindi in una non messa in atto completa di tutti gli strumenti atti a contrastare la discriminazione delle persone disabili. In pratica, la Corte ha ritenuto insufficienti le garanzie e le agevolazioni previste a favore dei disabili in materia di occupazione dalla normativa italiana. Dopo aver  esaminato le misure in vigore nel nostro Paese, relativamente all’inserimento lavorativo delle persone con disabilità, la Corte ha concluso che, per quanto riguarda tutti gli aspetti (accesso al lavoro, svolgimento del lavoro, crescita professionale  e formazione),  le norme nazionali non solo non riguardano tutti i disabili, ma neanche tutti i datori di lavoro e tutti i diversi aspetti del rapporto di lavoro stesso. Si aggiunge inoltre che l’attuazione dei provvedimenti legislativi italiani è stata affidata all’adozione di misure ulteriori da parte delle autorità locali o alla conclusione di apposite convenzioni tra queste e i datori di lavoro e pertanto non conferisce ai disabili diritti azionabili direttamente in giudizio. Sulla decisione della Corte di Giustizia, la Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap: “La FISH non può che accogliere con favore una Sentenza di portata storica: da anni sosteniamo la carenza di politiche inclusive e di servizi efficaci. I dati drammatici sull’occupazione delle persone con disabilità già erano disarmanti e brutali. – così commenta Pietro Barbieri, presidente della FISH – In questo momento si sta discutendo di misure per il rilancio dell’occupazione: l’attenzione alle persone con disabilità deve essere prioritaria e mutare radicalmente le politiche e i servizi per l’inclusione lavorativa. Per uscire dalla marginalità, per essere protagonisti della propria esistenza. Ora attendiamo un segnale dal Governo, qualche interrogazione parlamentare, ma soprattutto misure concrete.”

 

About Redazione