Impiegati agricoli: Fai-Flai-Uila rinnovano il Ccnl 2012/2015

By on 22 novembre 2012

IQ- 22/11/2012 – È stato rinnovato ieri, nella notte, il Ccnl 2012/2015 degli impiegati agricoli, scaduto il 31 dicembre 2011 e che interessa 20.000 lavoratori italiani e direttamente o indirettamente diverse centinaia di lavoratori in Trentino.

Ancora una volta siamo riusciti, come Uila, ed insieme a Fai, Flai e Confederdia, a chiudere positivamente ed unitariamente una trattativa difficile, caratterizzata oltre che dalle difficoltà generali, anche da una situazione particolarmente negativa del settore che ha spinto le controparti a chiedere il ridimensionamento di alcuni istituti contrattuali (riduzione del periodo di comporto e della retribuzione per malattia e infortuni). Richiesta respinta, mentre sono stati ritoccati, marginalmente e solo per i nuovi assunti, i termini contrattuali previsti per il periodo di prova e di preavviso in caso di licenziamento.

In questo contesto risulta apprezzabile il risultato economico, che prevede un aumento retributivo del 5,5% (2,6% dal 1/12/2012, 2,9% dal 1/9/2013), da calcolarsi sulle retribuzioni contrattate sia a livello nazionale che provinciale, anche in Trentino.

Ancor più significativo appare il miglioramento di alcune tutele contrattuali, come la maternità obbligatoria che verrà integrata al 100% (era al 90%) e la possibilità di usufruire di periodi di aspettativa non retribuita di 6 mesi, anche nelle aziende con almeno 3 impiegati (prima erano 5).

Il 2012 è stato, per il settore agricolo, un anno particolarmente difficile dal punto di vista della tutela contrattuale dei lavoratori. Un anno caratterizzato dalla battaglia sindacale contro l’estensione generalizzata del ricorso ai voucher e dall’impegno profuso da Fai Flai e Uila per rinnovare tutti i contratti ancora aperti. Dopo l’accordo sull’apprendistato (luglio 2012), che comprende anche il lavoro stagionale e riguarda l’intero settore agricolo, sono stati rinnovati 19 contratti provinciali per gli operari agricoli (l’ultimo ieri sera a Perugia) e, in tutte le province d’Italia, fervono le trattative per giungere alla loro complessiva positiva conclusione entro la fine dell’anno.

Purtroppo Trento in questo caso è il fanalino di coda: per gli operai agricoli non si è ancora avuto riscontro all’invio della piattaforma (30 settembre 2011) unitaria di FAI-FLAI-UILA, da parte di Confagricoltura, Coldiretti e CIA del Trentino.

 

About Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *