Il ponte di gas più lungo dell’Universo

By on 21 novembre 2012

di Pietro Bardoscia

(IQ. 21/11/2012) – È un filamento di gas a 80 milioni di gradi. Collega con un’unica campata due ammassi di galassie distanti fra loro dieci milioni di anni luce.

Si trova a un miliardo di anni luce dalla Terra e collega una coppia di ammassi di galassie, Abell 399 e Abell 401, separati fra loro da 10 milioni di anni luce di spazio intergalattico. È un ponte di materia rovente, circa 80 milioni di gradi, e a confermarne l’esistenza sono i dati raccolti, grazie alla tecnica dell’effetto SZ, dal telescopio spaziale Planck dell’ESA.

La missione principale di Planck è catturare la luce più antica del cosmo.

Planck è in grado di rilevare gli ammassi di galassie presenti nel cielo grazie al fatto che il gas caldo che li permea imprime una firma caratteristica alla radiazione cosmica di fondo.

L’universo primordiale era pervaso da filamenti di materia gassosa, dando forma a una sorta di gigantesca rete. È dai nodi di quella rete, cioè le regioni nelle quali la materia si addensava maggiormente, che si sarebbero poi formati gli ammassi di galassie. La maggior parte di quel gas tenue e filamentoso rimane tutt’ora inosservata, ma gli astronomi si aspettano di poterlo individuare soprattutto là, tra gli ammassi di galassie interagenti, dove, essendo compresso e surriscaldato, rilevarlo diventa più facile. Ne è una prova quest’ultima scoperta, da parte di Planck, del filamento di gas caldo che collega gli ammassi Abell 399 e Abell 401, ciascuno contenente centinaia di galassie.

(Fonte Inaf)

 

About Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *