ʼNdrangheta, condannato nel processo Aemilia prende ostaggi in un ufficio postale

By on 6 novembre 2018

Francesco Amato, imputato condannato pochi giorni fa nel maxi-processo di ‘ndrangheta “Aemilia” è stato bloccato dopo essersi asserragliato dentro l’ufficio postale di Pieve Modolena (Reggio Emilia) con un coltello. L’uomo si era reso irreperibile dopo la sentenza. E’ entrato urlando “vi ammazzo tutti” e poi ha fatto uscire i clienti, tenendo in ostaggio cinque dipendenti, tra i quali la direttrice. Dopo ore di tensione, i carabinieri hanno fatto irruzione e portato fuori Amato, che intanto si era arreso.

About Redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.